Siamo sempre di più!

Ciclobby, l'associazione milanese che sostiene con grande volontà e impiego di forze la nobile causa delle bici in città, ha presentato i risultati del 10° Censimento dei ciclisti milanesi.

Il risultato? Che siamo sempre di più!

Relativo ai passaggi all'interno della cerchia dei navigli - durante una giornata lavorativa - il Censimento ha impiegato oltre 70 volontari che hanno rilevato, da 20 postazioni, i passaggi da e per il centro di Milano.

Questi i numeri: 33.100 passaggi, +8% sul 2010 e +13% sui dati del 2009. Il risultato migliore dall'inizio dell'iniziativa, nel 2002.

Il picco dei passaggi è stato registrato tra le 8.30 e le 9.30 del mattino e tra le 18 e le 19.30. Cosa significa? Che la bici è ormai un mezzo di trasporto a tutti gli effetti, prediletto per andare e tornare dal posto di lavoro. Rapido, agile, comodo, indifferente ai problemi di parcheggio, ecopass o aumento del biglietto Atm.



E' interessante il risultato del censimento sui passaggi in Corso Buenos Aires, la cui tanto richiesta pista ciclabile - mai realizzata dalla giunta Moratti nonostante i lavori di ristrutturazione della via - avrebbe accolto quasi 5.000 passaggi, + 25% sul 2010. Vuol dire che la direttiva Loreto-Venezia-San Babila è il percorso più utilizzato dai ciclisti milanesi. (Io stesso sono costretto, da Loreto, a raggiungere Centrale per pedalare sulla ciclabile di Vittor Pisani. Altrimenti farei Loreto-Buenos Aires-Venezia e giardini pubblici, godendomi ogni mattina le magnolie e i faggi del parco).

Sono buone notizie! E sono segnali forti per il sindaco e l'assessore alla mobilità.
Sono tanti tanti tanti i milanesi che usano la bicicletta. Prendiamone serenamente atto, con la consapevolezza che la bici è uno strumento economico e semplice per aiutare la città a sconfiggere il cancro (cancerogeno) del traffico e dello smog.
E con un pensiero alla sicurezza: la tragedia di via Solari - uno strappo insanabile - non può, non deve ripetersi.



Nessun commento:

Posta un commento